index
Il triangolo del dramma inquadra i tre ruoli diversi che interagiscono all’interno di una relazione, presupponendone la reciprocità.
Se osserviamo il modo di porci nelle nostre relazioni vediamo subito che abitualmente ricopriamo uno dei tre ruoli: siamo “salvatori” se tendiamo ad essere caritatevoli, protettivi e di sostegno verso gli altri, “vittime” se siamo le pecore nere della situazione o gli eterni imbranati o coloro che hanno spesso e volentieri bisogno di aiuto e sostegno dall’esterno, “carnefici” se tendiamo a essere normativi, bastiancontrari, polemici od oppositivi nelle discussioni.
Nelle relazioni di coppia la situazione è emblematica, e talvolta nelle discussioni si passa da un ruolo all’altro nel giro di pochi minuti “Io ti accuso – tu ti difendi – ci resti male – mi scuso – tu allora contrattacchi con cattiveria – sono ferito – ti accorgi di aver passato il limite – tendi a minimizzare – io continuo a fare l’offeso – tu ti arrabbi ancora di più – ecc…” e non vi può essere più comprensione di sorta. Per uscire da questi ruoli orizzontali che sono solamente controproducenti (in quanto si rincorrono eternamente e l’uno genera l’altro per la legge del controbilanciamento della polarità) è necessario comprendere e riconoscere il ruolo predominante che si interpreta, spesso inconsapevolmente.

Altri temi trattati: Il lutto e Le dinamiche della vita di coppia